Berlino – Sono passati molti anni da quando uno studente tedesco ha girato un lungometraggio finito poi in gara al prestigioso Festival Internazionale del Cinema di Berlino, un riconoscimento questo che può essere il trampolino di lancio per una grande carriera. Tutto ciò si sta godendo in questo momento Burhan Qurbani il giovane regista Hazara con il suo film “Shahada”.

Burhan Qurbani Regista di "SHAHADA"

Ma la fama nascente può avere un risvolto della medaglia, e lo sta sperimentando Qurbani, dal momento che il suo paese natìo ha un occhio critico nei confronti del suo lavoro e della sua vita. Si è improvvisamente reso conto di essere uno straniero nella propria patria, e che per un certo pubblico lui è un immigrato afgano che ha girato un film sull’islam e non un talentuoso regista tedesco che ha scelto di affrontare problematiche comuni a tutta la razza umana.

“Sono visto come l’afgano che ha fatto un film sull’integrazione, e questo mi dà un po’ fastidio”,ha dichiarato qualche giorno fa, sedendo in un caffè all’aperto e fumando una sigaretta rollata a mano dopo l’altra.

I personaggi del film, tre giovani musulmani che vivono a Berlino, si scontrano con problemi come l’amore proibito e il senso di colpa e cercano riparo e redenzione nella religione. Ma è il contesto ciò che realmente definisce in film, e in particolare questo film, che è stato prodotto nel 2009 ma fatto uscire solo quest’anno in mezzo a dibattiti sull’integrazione e crescenti sentimenti anti islamici in tutta la Germania.

“Certo che sono tedesco”ha dichiarato Qurbani.”Ho radici Afgane, non lo posso negare, ma sono principalmente tedesco”.

La storia di Qurbani è la favola di un immigrato di successo. I suoi gentori fuggirono dall’invasione sovietica dell’Afghanistan e si stabilirono in Germania.Suo padre era un elettricista, ma i suoi genitori divorziarono, così sua madre allevò da sola due ragazzi con l’aiuto della pubblica assistenza. Egli ricevette un’educazione di prim’ordine e la possibilità di seguire il suo sogno di diventare un regista.

“Shahada”, il suo primo lungometraggio nonché la sua tesi di laurea, è stato proiettata al Festival di Berlino in febbraio e nei cinema berlinesi nelle ultime due settimane. Sabato sera il Chicago International Film Festival ha insignito Qurbani della medaglia doro per il miglior regista emergente per “Shahada”.

“In un mondo fatto di narrazioni che che si sovrappongono, “Shahada” localizza precisamente i punti di forza nelle complicate vite dei suoi personaggi – lavoro e amore,immigrazione e Islam”, diceva la dichiarazione di apertura della premiazione.”La storia si svolge nella Germania ed Europa di oggi, ma le sue implicazioni sono universali”.

Fonte

Condividi questo articolo

Leave A Reply